Camicie, camicie, camicie.

Camicie protagoniste.

Pina G è un progetto non legato alle tendenze.

Nato dalla passione di Pina Gandolfi, giornalista, creative director e fashion editor, che le camicie le ha sempre amate, portate, collezionate. Perché è convinta che «indossarne una può far cambiare l’attitudine, il modo di agire, la self confidence».

Otto Camicie con un nome proprio  e una storia da raccontare e ascoltare. Tutte nate da incontri, folgorazioni, paesaggi e amori. Quello più grande per la figlia Amina, a cui è affidata l’immagine della collezione.

La nostra collezione è prodotta artigianalmente dalla Cooperativa Alice, una splendida realtà che da quasi trenta anni si occupa del reinserimento sociale di donne in difficoltà, insegna loro l’arte della sartorialità italiana e ridona loro dignità imparando l’arte di un mestiere antico che permette loro di emanciparsi dallo stigma sociale e reimmergersi nel mondo del lavoro rendendole autonome.

 

Il manifesto di Pina G

Crediamo nello stile oltre le mode

Pina G è una collezione che non segue i calendari. È fatta di capi belli, pensati per andare oltre le stagioni, per durare nel tempo. Sono capi del cuore e sono “per sempre”.

Crediamo nella leggerezza

Di fronte a un mondo sempre più complicato, cerchiamo di affrontare ogni impegno della vita con passione, leggerezza, ironia e fluidità. Lasciamo le sovrastrutture e portiamo il nostro credo nella nostra collezione.

Crediamo nella camicia

Maschile, femminile, unisex. La camicia è il nostro focus. È il capo più versatile del guardaroba, declinabile all’infinito, per ogni occasione e ogni stile.

Crediamo nei capi che raccontano delle storie

Ogni camicia della nostra collezione ha una storia da raccontare: nasce dall’incontro, reale o immaginario, fra Pina G e i suoi miti. Carlo Mollino, Lee Miller, Coco Chanel, Jacque Henri Lartigue, e molti altri, hanno ispirato negli anni il lavoro di Pina Gandolfi. Oggi questo legame profondo prende forma concreta nei modelli, vive nella trama dei tessuti, si salda nelle cuciture realizzate a mano. 

Crediamo nelle cose ben fatte

I nostri capi sono realizzati con tecniche artigianali, nel rispetto della tradizione sartoriale italiana. Cura e attenzione ai dettagli sono le nostre prerogative. Per questo i nostri capi sono realizzati a Milano in laboratori artigianali d’eccellenza.

Crediamo nella sostenibilità ambientale

Attraverso una ricerca meticolosa, selezioniamo rimanenze di tessuti di altissima qualità, spesso scartati dalle grandi aziende della moda perché non più utilizzabili nel loro ciclo produttivo. A questi tessuti eccellenti viene data nuova vita e, impiegandoli per realizzare i nostri capi, diamo il nostro piccolo contributo per rendere la filiera della moda più sostenibile.

Inoltre, la nostra collezione, con i suoi capi fatti per durare nel tempo, vuole proporre un nuovo modo di consumare responsabilmente: il nostro pianeta non riesce più a sostenere il peso di un consumo spasmodico, innescato dal susseguirsi incessante delle mode. È necessario quindi comprare meno, ma comprare meglio.

Crediamo nel diritto a sentirsi belle nel proprio corpo

Non c’è limite d’età o fisicità nel desiderio di sentirsi belle e sensuali nel proprio corpo. Abbandoniamo i condizionamenti sociali e personali. Vogliamoci bene, apprezziamoci per chi siamo, come siamo e per tutto quello che facciamo per noi e per chi ci sta intorno. Concediamoci un premio, lo meritiamo.

La Cooperativa Alice

La Cooperativa Alice è attiva dal 1992 con laboratori sartoriali e artigianali a Milano e nelle sezioni carcerarie milanesi di San Vittore, Bollate e Monza.

Grazie ai suoi laboratori artigianali e attraverso l’apprendimento di un lavoro equamente retribuito, riabilita persone fragili restituendo loro una dignità ed eliminando lo stigma a cui sono soggette.

L’obiettivo riabilitativo va di pari passo con la tutela delle tradizioni più autentiche del “made in Italy” e con l’incoraggiamento a stili di vita sostenibili privati e aziende.

La mission di Alice è la costruzione di una società inclusiva, che restituisca centralità alla persona e sostenga lo sviluppo sostenibile attraverso l’artigianalità e le filiere etiche, proprio per queste ragioni è stata certificata come la prima realtà manifatturiera garantita WFTO, World Fair Trade Organization, l’associazione mondiale che riconosce qualità ed eticità dei prodotti commerciali.